• Cos’è il Volontariato di Protezione Civile?

  • Il volontariato di protezione civile è nato sotto la spinta delle grandi emergenze che hanno colpito l'Italia negli ultimi 60 anni: l'alluvione di Firenze del 1966 e i terremoti del Friuli e dell'Irpinia, sopra tutti.
    Una grande mobilitazione di cittadini rese chiaro che a mancare non era la solidarietà spontanea, ma un sistema pubblico organizzato che sapesse impiegarla e valorizzarla.
    Il volontariato di protezione civile è diventato negli anni una realtà organizzata, formata e preparata, specchio di tutte le professioni e i saperi della società.
    Una risorsa straordinaria in termini di competenze e capacità operativa che conta oltre 5mila organizzazioni in tutto il Paese.

  • Com’è organizzato il Volontariato di Protezione Civile?

  • Nell’ambito del Servizio Nazionale, il volontariato di Protezione Civile è una struttura operativa e si articola in organizzazioni nazionali, associazioni locali e gruppi comunali.
    Una realtà multiforme sia sotto il profilo operativo sia per la varietà delle professionalità e delle competenze espresse che spaziano dal soccorso all’assistenza sanitaria, dall’antincendio boschivo alla tutela dei beni culturali, dalle telecomunicazioni all’allestimento delle aree di accoglienza.
    Il volontariato opera in modo integrato con le componenti e le strutture operative del Servizio Nazionale sia in ordinario sia in emergenza e partecipa regolarmente alle attività esercitative per garantire piena sinergia con tutti gli attori del Sistema.

    IL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE


  • Come si diventa Volontario di Protezione Civile?

  • Per diventare volontario in ambito di protezione civile, il primo passo è iscriversi a una organizzazione di volontariato inserita nell’elenco nazionale.
    L’aspirante volontario può scegliere l’organizzazione in base a diversi parametri, dalla vicinanza della sede alla propria abitazione al tipo di disponibilità richiesta.
    Altri elementi di valutazione riguardano la specializzazione operativa, il livello di partecipazione alle attività istituzionali, l’ambito territoriale e la tipologia di evento per cui l’organizzazione è chiamata a intervenire (come previsto dall'articolo 7 del decreto legislativo n. 1 del 2018).

    ELENCO NAZIONALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

    ELENCO CENTRALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO    ELENCHI TERRITORIALI DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

  • Devo essere maggiorenne per essere Volontario di Protezione Civile?

  • No, ma è bene ricordare che ogni organizzazione può prevedere nel proprio regolamento misure specifiche come, ad esempio, il requisito della maggiore età ai fini dell’iscrizione.

  • Cosa sono i Coordinamenti Provinciali del Volontariato di Protezione Civile?

  • La Regione Emilia-Romagna conta oltre tredicimila volontari iscritti alle organizzazioni di protezione civile dislocate sul suo territorio.
    A livello organizzativo, le associazioni locali esistenti fanno riferimento al livello provinciale- raggruppandosi nei “Coordinamenti Provinciali del volontariato per la Protezione Civile”
    - oppure al livello regionale, se si tratta di sezioni di Organizzazioni di rilievo nazionale o regionale.

    MAPPA DEI COORDINAMENTI E DELLE ORGANIZZAZIONI DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

  • Come diventare un Volontario di Protezione Civile in Emilia-Romagna?

  • Nell'opuscolo realizzato dall'Agenzia regionale di protezione civile trovi indicazioni su come diventare volontario e i riferimenti utili da contattare per informazioni

    SCARICA L’OPUSCOLO